Doveva essere uno scherzo da mostrare agli amici, e invece un diciottenne di Teramo, puntandosi la pistola del padre alla testa, ha esploso veramente un colpo. L’incidente è successo verso mezzanotte in un appartamento del quartiere popolare di San Berardo, dove il ragazzo era in compagnia di un gruppo di amici. L’arma apparteneva al padre, ed era regolarmente detenuta. Il ragazzo è stato ricoverato all’ospedale Mazzini, in prognosi riservata. Si trova ora in rianimazione, in coma farmacologico dopo aver subito quattro ore di intervento: i medici parlano di “condizioni critiche” ma stabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, false autocertificazioni per non pagare il ticket: la Finanza scopre 885 “furbetti”. Multa da 1 milione di euro

next
Articolo Successivo

Aldo Moro, Mattarella: “Ricordare è dovere morale”. La figlia Maria Fida: “Indifferenza e bruttezza della politica” – FOTO

next