“Non sappiamo se Niam è stato ammazzato oppure no, ma vogliamo giustizia. Chiediamo al prefetto e al sindaco di sospendere le squadre di Di Maggio (vicecomandante polizia municipale Roma, ndr) che ci stanno massacrando”. Lo ha detto parlando al microfono un senegalese che con poche centinaia di connazionali e altri migranti e militanti dei centri sociali ha partecipato a un sit-in in piazza Santi Apostoli a Roma per ricordare Nian Maguette, l’ambulante senegalese di 54 anni morto dopo un blitz della polizia municipale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Camera se la tira: ecco cosa abbiamo trovato nei bagni di Montecitorio. L’anticipazione dell’inchiesta di Fq Millennium

next
Articolo Successivo

Migranti, ragazzo di 21 anni ucciso su un barcone. Testimoni: “Scafista gli ha sparato perché voleva il suo cappellino”

next