“Se non ho mollato è grazie a voi”. Così Matteo Renzi durante il discorso dal palco allestito nella sede del nazionale del Pd a Roma, discorso che lo vede segretario reincaricato dopo il voto delle Primarie. “La grande coalizione… La faremo con i cittadini, non con presunti partiti” (il riferimento è a Mdp) che non rappresentano nemmeno se stessi”, ed un secondo dopo gli scappa un lapsus in prospettiva di elezioni anticipate: “Non sappiamo il giorno in cui voteremo ma dovremo arrivarci con un Pd più forte e radicato non solo sul web ma anche nella vita quotidiana: i 6000 circoli vanno spalancati, valorizzando di più le persone che sono sul territorio”. Poi un chiaro riferimento al M5S: “Non lasceremo il Paese in mano a chi dice sempre no, a chi crede ai complotti e alle scie chimiche. Avanti con coraggio”, conclude tra gli applausi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, il discorso della vittoria di Renzi: “Pd non è personale. Forse ha solo leader forte”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, Orlando ammette sconfitta. Ma rilancia: “Costruzione centrosinistra presto sarà posizione di tutto il Pd”

next