“Se non ho mollato è grazie a voi”. Così Matteo Renzi durante il discorso dal palco allestito nella sede del nazionale del Pd a Roma, discorso che lo vede segretario reincaricato dopo il voto delle Primarie. “La grande coalizione… La faremo con i cittadini, non con presunti partiti” (il riferimento è a Mdp) che non rappresentano nemmeno se stessi”, ed un secondo dopo gli scappa un lapsus in prospettiva di elezioni anticipate: “Non sappiamo il giorno in cui voteremo ma dovremo arrivarci con un Pd più forte e radicato non solo sul web ma anche nella vita quotidiana: i 6000 circoli vanno spalancati, valorizzando di più le persone che sono sul territorio”. Poi un chiaro riferimento al M5S: “Non lasceremo il Paese in mano a chi dice sempre no, a chi crede ai complotti e alle scie chimiche. Avanti con coraggio”, conclude tra gli applausi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, il discorso della vittoria di Renzi: “Pd non è personale. Forse ha solo leader forte”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, Orlando ammette sconfitta. Ma rilancia: “Costruzione centrosinistra presto sarà posizione di tutto il Pd”

next