Dotato di un drone e di una macchina fotografica, il fotoreporter brasiliano Gabriel Chaim ha trascorso venti giorni con le forze speciali irachene, la Golden Division, catturando riprese della distruzione e del caos a Mosul, dopo l’offensiva degli iracheni e della coalizione internazionale a guida Usa, partita a ottobre contro l’Isis, che da tre anni controlla la città. Parte dell’abitato è stato liberato, ma il prezzo pagato da Mosul e dai suoi abitanti è altissimo. Il fotografo ha seguito la Divisione D’oro nel corso dei suoi spostamenti attraverso le strette e tortuose strade della città. Nel video le immagini catturate dal suo piccolo drone

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizi segreti, il Mossad cerca laureati in filosofia e lo Shin Bet recluta con l’enigma matematico

prev
Articolo Successivo

1 maggio, arresti e lacrimogeni contro manifestanti a Istanbul. “Clima di terrore”

next