Votate il segretario perché sarà anche il candidato-premier alle prossime elezioni. E’ così che Matteo Renzi richiama i suoi a presentarsi alle primarie del Pd di domenica prossima. E’ una delle differenze tra lui e i suoi rivali, Andrea Orlando e Michele Emiliano secondo i quali le figure di leader del Partito Democratico e di capo del governo. E’ la risposta, forse senza volerlo, alla lettera-appello dell’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia che su Repubblica si era rivolto direttamente all’ex presidente del Consiglio: “Le elezioni francesi ci ricordano che la sinistra divisa va incontro a un solo destino: la sconfitta. Se le primarie lo confermeranno segretario del Pd, a Matteo Renzi resta meno di un mese per dare un segnale chiaro: cambiare la legge elettorale e costruire una coalizione. Altrimenti il centrosinistra andrà incontro a una sconfitta che definirei generazionale, perché ci vorrà appunto una generazione prima che si possa ricostruire la fiducia e la partecipazione del proprio elettorato”. La risposta di Renzi è che chi vince le primarie del Pd vince tutto, quindi escludendo a priori eventuali primarie di coalizione. “In molti – scrive Renzi nella sua e-news – vogliono farci credere che il risultato sia già scritto. E lo fanno per allontanare molti di voi dai gazebo, domenica, dalle 8 alle 20. Non caschiamoci, vi prego! Il passaggio di domenica è fondamentale e abbiamo molto bisogno dell’impegno di voi tutti”. Renzi, tuttavia, non è pessimista sulla partecipazione, vero filtro attraverso il quale si capirà lo stato di salute del partito: “Credo che troveremo delle sorprese in termini di numero di persone che si stanno pre-registrando” al sito per votare domenica alle primarie.

Renzi ha rivendicato una campagna elettorale “in silenzio, nei piccoli comuni, senza la sfilata di telecamere e taccuini”, una campagna elettorale “di squadra”, ha aggiunto. L’accento è ancora una volta sulla battaglia “all’immobilismo”, cioè il tono che contraddistingue il Rottamatore ormai da 5 anni. “e toccherà a noi – spiega – dovremo lottare per non rassegnarci all’immobilismo che dopo il referendum del 4 dicembre sembra aver bloccato la vita politico istituzionale italiana. Avevano detto: se vincerà il No, in sei mesi risolveremo tutto. Dopo cinque mesi la palude regna sovrana“. Dall’altra parte si giustifica: “Il Pd da solo non ha i numeri per cambiare le cose”, sottolinea. “Ma noi non ci accontentiamo di chi dice solo no. Di chi vuole solo bloccare tutto. E faremo di tutto per restituire energia, slancio, vigore al Paese.

Quanto ai temi, Renzi ribadisce che l’ambiente è un tema centrale (“ma non solo a parole”), che bisogna trovare misure per incrementare i posti di lavoro “oltre a quanto fatto col Jobs Act“, che sulle riforme istituzionali bisogna ripartire magari con azioni singole e soprattutto “dal basso”, un altro no ai redditi di solidarietà: “Noi siamo per il lavoro di cittadinanza, non per il reddito di cittadinanza, siamo per il lavoro e non per l’assistenzialismo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Bersani: “Pazzo chi vuole capilista bloccati. Appello di Mattarella? Chi ha più numeri deve dire la sua”

next
Articolo Successivo

Pd, Orlando si improvvisa attore e telefona agli iscritti. Anche a Matteo: “Che fine hai fatto? Ti ricordi delle primarie?”

next