“Qui nessuno vuole che si fermino le navi delle Ong che salvano vite, vogliamo soltanto chiarezza dopo i rapporti di Frontex“. Lo ha detto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, a margine di un’iniziativa alla Camera dei deputati, tornando sulla polemica che vede al centro l’attività delle organizzazioni che si occupando del salvataggio dei migranti in mare. Il deputato del Movimento 5 Stelle. Di Maio aveva parlato di “taxi del mare“, espressione in realtà mai citata nel dossier dell’agenzia Frontex “Rysk Analysis 2017” sul fenomeno dell’immigrazione. “Le ombre emergono dai rapporti dell’agenzia – ha spiegato –  E la procura di Catania parla di intercettazioni tra scafisti e Ong. Io invito le Ong serie ad aiutarci a capire. Se non ci fossero le imbarcazioni Ong ci ritroveremmo con tanti morti? Vero, ma nessuno vuole togliere di mezzo le navi Ong. Vogliamo solo capire, mentre Frontex e Guardia costiera arretrano, se ci sono navi che vanno a prendere migranti a poche miglia nautiche dalle coste libiche, scortati pure da moto scooter”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella ci riprova: “Subito la legge elettorale”. I partiti entusiasti: “Bravo”. E infatti si prendono un altro mese

next
Articolo Successivo

Primarie Pd 2017, come e dove votare domenica 30 aprile: istruzioni per l’uso

next