7) Quello che sembra ancora mancare, in Francia come in Italia e nel resto dell’Europa (si pensi alle difficoltà di Podemos) è una “forza materiale” che sostanzi il progetto di una nuova sinistra. Come in Spagna anche in Francia la sinistra che si afferma elettoralmente sembra possedere solo due ingredienti: un leader e molti voti. Non è poco, ovvio, ma manca tutto quello che sta in mezzo (un partito per alcuni, tanti, un insieme di “istituzioni sociali” per chi scrive, etc.). Questo schema è quello che oggi alimenta l’idea che un “populismo di sinistra” sia già in atto e quindi possibile. Ma lo schema non è convincente perché, come già accennato, non solo non consente la prova di forza che, per affermare una politica alternativa, servirà, prima o poi, contro i poteri costituiti ma non regge nemmeno la prova della democrazia e della partecipazione attiva. Che poi rappresenta, davvero, il connotato di quella “forza materiale”.

8) Per quanto riguarda il secondo turno si sente in giro molta voglia di astensione di fronte a quelle che sono considerate le “due destre”. L’affermazione è molto confusa perché le “due destre”, in chiave europea sono i partiti dell’establishment, i conservatori e i socialdemocratici. Quindi i socialisti e i gollisti. Il Front nazionale è la destra potenzialmente fascista, un’altra cosa quindi. Eppure Melenchon, nel suo discorso serale, ha lasciato presagire una certa equidistanza e lo stesso si sente da molte parti della sinistra italiana. Il problema, però, è che nel sistema costituzionale francese il secondo turno non richiede il voto per adesione ma per minore o maggiore affinità, fino al voto chiaramente contrario. E’ successo già nel 2002 con il ballottaggio tra Chirac e Le Pen (padre) con tutta la sinistra schierata con il vecchioimbroglione” (così lo definì gran parte della stampa). Non si tratta perciò di andare a votare “per” Macron ma di votare “contro” Le Pen nella convinzione che in questi casi la strada più giusta è quella di scegliersi il governo a cui fare opposizione.

INDIETRO

Elezioni Francia, otto riflessioni in vista del secondo turno di Presidenziali

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Francia, la finta svolta del fedelissimo di Hollande

next
Articolo Successivo

Romania, due italiani rapinano banco dei pegni a Bucarest: bottino da 27mila euro

next