Si chiamava Karim Cheurfi l’attentatore che giovedì sera ha aperto il fuoco a colpi di kalashnikov contro la polizia francese sugli Champs-Elysées, assassinando un agente prima di essere a sua volta ucciso. Ma Karim, francese delle banlieue schedato come a rischio radicalizzazione, era già noto alle forze dell’ordine. Sedici anni fa infatti aveva attaccato due poliziotti, come riporta Le Figaro. Il 6 aprile 2001 Karim, 23 anni all’epoca, aveva rubato un’auto a Roissy-en-Brie, a 30 chilometri da Parigi. Dopo uno scontro con una vettura su cui viaggiava un allievo poliziotto insieme al fratello, Karim si dà alla fuga. Ma viene inseguito dai due e il futuro agente allerta i colleghi. Karim finisce in un fosso, l’allievo esce dall’auto e lo raggiunge. A quel punto Karim spara due colpi al ventre dei fratelli e scappa a piedi, venendo acciuffato dopo un breve inseguimento.

Ma non è finita. Le Figaro racconta infatti che l’8 aprile Karim riesce a convincere un poliziotto a entrare nella sua cella con una scusa (secondo la Bfm-Tv, diceva di aver bisogno di medicinali), si impossessa della sua arma e fa fuoco, sparando cinque colpi e ferendo gravemente l’agente che però riesce a richiamare i colleghi, che immobilizzano il criminale. Viene indagato per tentato omicidio e nel 2003 è condannato a 20 anni di reclusione, poi ridotti a 15 in corso di appello nel 2005. Dodici anni dopo lo ritroviamo a vendere abbigliamento al mercato di Chelles, a 25 chilometri dalla capitale.

Recentemente, Karim era stato trattenuto per un interrogatorio a Meaux, appena fuori Parigi, dopo che alcun informatori avevano riferito alla polizia che “cercava armi per uccidere poliziotti”, riporta il Telegraph. Ma gli agenti avevano dovuto rilasciarlo per mancanza di prove.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, il panico durante l’attacco: persone si nascondono sotto i tavolini di un bar

next
Articolo Successivo

Parigi, blitz a casa del killer. Parla il vicino: “Era solitario, mai visto in moschea”

next