“Un’offesa a chi ha dato la propria vita per la nostra libertà”. Per questo l’Anpi di Milano, come spiega il presidente provinciale dell’associazione Roberto Cenati, ha inviato un esposto a prefettura e questura perché vietino la parata nera che CasaPound e Lealtà e Azione organizzeranno il 25 aprile nel campo X del Cimitero Maggiore del capoluogo lombardo. Per il sindaco Giuseppe Sala verrà fatto di tutto per impedire la manifestazione, ma la decisione è stata quella di non chiudere il cimitero: “Ci sembrava sbagliato e lo avremmo chiuso a tutta la città. Ho chiesto al prefetto di avere forze dell’ordine all’interno, interverranno al minimo sospetto di apologia di fascismo. Il prefetto e il questore su questo sono allineati con me”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis, a Milano il primo festival. Sala: “Prima di dire no, capire di che si tratta. Da giovane ho fumato anch’io”

next
Articolo Successivo

25 aprile, no del Pd al corteo Anpi: “Divisivi”. E la Comunità ebraica: “Non rappresentano più i partigiani”

next