Altro che congedo di paternità di 15 giorni, come aveva auspicato il presidente dell’Inps Tito Boeri. Quest’anno i neo papà, dopo la nascita del bambino, potranno restare a casa solo due giorni. Infatti la sperimentazione – prevista dalla legge di Stabilità per il 2016 – che aveva esteso il congedo a quattro giorni di cui due facoltativi è già finita. A chiarirlo è stata proprio l’istituto nazionale di previdenza, che rispondendo a una richiesta del patronato Inca della Cgil ha spiegato, come riporta La Stampa, che “la misura non è stata prorogata” per cui “si ferma ai soli figli /e nati , adottati o in affidamento nel 2016”. Chi ha avuto un bimbo nel 2016 ha potuto comunque fruire comunque del permesso di 4 giorni anche quest’anno entro il termine di 5 mesi dall’arrivo del piccolo.

Va detto però che dal 2018 il congedo di 4 giorni dovrebbe diventare stabile, perché così prevedeva la manovra di due anni fa e il Piano nazionale di riforma allegato al Documento di economia e finanza lo ribadisce. Sempre dal 2018, poi, i giorni saranno “elevabili a 5“, sempre in sostituzione della madre. La fruizione del congedo facoltativo nel 2016 era infatti condizionata alla scelta della madre lavoratrice di non fruire di altrettanti giorni del proprio congedo obbligatorio di maternità, anticipando quindi il termine finale del congedo post-partum per un numero di giorni pari a quelli fruiti dal padre.

Era però fruibile dal padre anche contemporaneamente all’astensione della madre e spettava anche nei casi in cui la madre, pur avendone diritto, decidesse di non avvalersi del congedo di maternità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Madri clandestine’, dalla Siria a Genova per cantare il coraggio delle donne

prev
Articolo Successivo

Migranti, maxi sbarco nel porto di Vibo Valentia: arrivata nave con 1600 persone

next