Indietro tutta. Dopo mezzo secolo di polemiche, tracciati e soldi spesi, il governo mette una pietra tombale sulla Tirrenica. Il governatore della Toscana Enrico Rossi, che due anni fa minacciò di sdraiarsi sull’Aurelia se l’autostrada non si fosse realizzata, è corso dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni per avere assicurazioni sulle indiscrezioni infauste per la Tirrenica. Niente autostrada, ma da Cecina nord a Grosseto (103 chilometri) si punta sulla Variante Aurelia – una superstrada – mentre da Grosseto a Capalbio (altri 53 chilometri) verrebbe messa in sicurezza la vecchia Aurelia. Qualche centinaio di milioni, se mai arriveranno e stop.

Rossi minimizza: “Importante che si faccia un corridoio tirrenico a quattro corsie. Gentiloni ha dato assicurazioni. Al più presto ne parlerò con il ministro per le Infrastrutture Graziano Delrio. La Tirrenica è stata così rottamata dal Pd di Matteo Renzi in due tempi. Il primo, nel 2013, quando Renzi non assicurò a Sat i 250 milioni richiesti per aprire i cantieri. Si decise di dimezzare il progetto e i costi, da 2 a 1 miliardo. Da Cecina nord a Grosseto fu deciso di servirsi della Variante Aurelia. Basta e avanza, fu detto. Il che è forse anche vero perché mediamente lungo quell’arteria passano 20mila veicoli al giorno: un quarto di quanti ne passino ad esempio sulla Firenze-Pisa-Livorno.

L’autostrada rimaneva in piedi solo da Grosseto a Tarquinia. Con un costo stimato in un miliardo. Ora il secondo tempo della rottamazione. Niente autostrada, anche se dimezzata. Cancellata. Anche se qua e là governo e Regione non la escludono: non affondano il colpo ma il colpo è già affondato ad esempio.

Addio Tirrenica. Un’odissea, un tormentone. Qualche numero, per capire. Il tratto da Livorno a Civitavecchia è lungo 242 chilometri. Lungo la costa toscana sono stati costruiti la miseria di 40 chilometri da Collesalvetti a Cecina nord. Ai quali vanno aggiunti i 14,5 asfaltati da Civitavecchia a Tarquinia e inaugurati da pochi mesi. Quaranta chilometri in 49 anni è il passo di lumaca dei costruttori della Tirrenica. Da arrossire di vergogna. Se si considera che in quei lontani anni Sessanta in cui avanzava l’idea della Tirrenica, il 4 ottobre del 1964 a Firenze veniva inaugurato l’ultimo tratto dell’Autosole, da Napoli a Milano. Settecentosessanta chilometri realizzati in otto anni.

E invece la Tirrenica va a passo di lumaca. Il marchese Piero Antinori, che possiede vigneti di lusso nella zona di Bolgheri, ama ricordare spesso di aver visto i primi vagiti progettuali dell’autostrada Livorno-Civitavecchia nello studio di un architetto romano. C’era allarme tra nobili e possidenti. Quel primo tracciato tagliava in due nientemeno che il viale dei cipressi reso famoso da Giosuè Carducci: “I cipressi che a Bolgheri alti e schietti…”.

Da allora si sono fatti più tracciati che chilometri. Nel 1993 è stato inaugurato il tratto toscano più lungo, tutto in provincia di Livorno, da Collesalvetti a Rosignano (poco più di 36 chilometri). Quasi vent’anni dopo, nel 2012, sono stati messi in esercizio altri 4 chilometri, da Rosignano a Cecina, dopo che l’allora ministro del governo Berlusconi Altero Matteoli c’aveva creduto molto. Ma dopo quell’inaugurazione, con tagli di nastro e buffet, non è accaduto più niente. Per il resto progetti, calcoli economici sempre rifatti, polemiche e movimenti ambientalisti che protestano, i no Sat. Dicono che non serve, che costa troppo e che rovina l’ambiente. Il M5S esulta: “Quello di mettere in sicurezza l’Aurelia è il nostro piano da sempre. Governo e Regione ci sono arrivati con tanti anni di ritardo. E tanti soldi sprecati. Chi pagherà?”, si chiede il consigliere regionale Giacomo Giannarelli. Già: chi pagherà per un flop lungo mezzo secolo?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poste, sulle raccomandate si cambia: le “inesitate” finiranno nell’ufficio più vicino. Dipendenti permettendo

next
Articolo Successivo

Milan ai cinesi, Scaroni e Patuano in cda. E i consiglieri italiani potranno bloccare le decisioni della proprietà

next