Discussione negli studi di DiMartedì, su La7, tra l’ex presidente dell’Anm Pier Camillo Davigo e il direttore dell’Unità Mario Lavia. “Quando parla di abuso della custodia cautelare – dice Davigo – lei non sa di cosa parla. Sulla corruzione non ho motivo di ritenere che sia cambiato qualcosa in un sistema che si ruba ininterrottamente da 45 anni. Che cosa si dovrebbe fare?. “Bisognerebbe fare le indagini – replica Lavia che aggiunge – non bisognerebbe tenere la gente in galera” . Parole alle quali Davigo risponde così: “Le facciamo le indagini, fino a quando non ci cambiano le leggi in corso. Vergogna. Il centrodestra le ha fatte ma non hanno funzionato, mentre il centrosinistra le ha fatte mirate creando problemi seri, come per i fondi neri. Vergogna un’altra volta.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Laura Boldrini adotta due agnellini e li porta a Montecitorio: “Li ho salvati dalla macellazione”

next
Articolo Successivo

Renzi da Vespa demolisce l’Italicum. Ma sull’inchiesta di Report glissa

next