Caso Genova? In un movimento così aperto, è necessario avere una figura che faccia da garante (Grillo, ndr) per tutto il movimento. Ed è giusto che intervenga nei momenti in cui ritiene che le condotte o le scelte possono creare un danno al movimento”. Così a Otto e Mezzo (La7) Davide Casaleggio commenta l‘esclusione di Marika Cassimatis dalla candidatura a sindaco di Genova per il M5S. “Grillo ha attuato una sua prerogativa per tutelare il M5S da potenziali attacchi che potrebbe avere” – continua – “Oggi abbiamo 2.200 eletti nelle varie istituzioni del M5S. Io cito il caso della Sardegna di qualche anno fa, in cui si è deciso di non candidare nessuno per la Regione. Sono due interventi del garante per proteggere il M5S. Ma stiamo parlando di meno dell’1% dei casi, mentre nel 99% la democrazia diretta attuta online è stata lasciata libera di fruire”. Riguardo alla selezione della classe dirigente, Casaleggio precisa: “Il M5S sta lavorando sulla classe dirigente, ha già ottenuto ottimi risultati in diverse città in cui sta già governando. E stiamo migliorando per il futuro, ottimizzando nuovi modelli per la ricerca della classe dirigente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Casaleggio: “Reddito di cittadinanza? E’ una sfida importante. Via pensioni d’oro, vitalizi e altri orpelli”

next
Articolo Successivo

Pd, Letta: “Io in politica? Sono ‘molto sereno’, sto benissimo dove sto ora. Ho l’impressione che si scambi il voto per un like”

next