Le Comunarie di Genova finiscono in tribunale. Quello civile, com’è giusto, e non quello amministrativo come aveva annunciato Marika Cassimatis, ex vincitrice delle elezioni online ma “scomunicata” da Beppe Grillo con un post sul blog. La Cassimatis si è corretta dopo diverse ore dall’annuncio, parlando di lapsus. L’ex candidata sindaco e i suoi sostenitori chiedono “la sospensiva del voto on line nazionale e il reintegro della nostra lista”. Cassimatis aveva già depositato querela per diffamazione nei confronti di Grillo e Alessandro Di Battista. In caso di “assenza di riscontri soggettivi e rilevanti, vogliamo pubbliche scuse per quanto è accaduto”. Attualmente, per decisione di Grillo poi approvata da tutti gli iscritti online d’Italia, il candidato sindaco dei Cinquestelle è Luca Pirondini

Cassimatis in una breve conferenza stampa ha ribadito che “in 10 giorni non ha avuto alcun contatto con Grillo o con lo staff” nonostante la “reiterata richiesta dei documenti” che sono alla base della decisione del leader del Movimento. “Il ‘fidatevi di me‘ non esiste in nessuno Stato di diritto, nemmeno nella Repubblica delle Banane. A nessuno di noi è stato concesso il diritto alla difesa”. Cassimatis e gli altri consiglieri che la sostengono respingono dunque “tutte le accuse di Beppe Grillo. Siamo profondamente offesi e ci sentiamo diffamati nel nostro onore da accuse che non sono sostenute da alcuna prova oggettiva. Chiediamo che vengano presentati i documenti che ci accusano di pesante attività contro il Movimento”.

La ex vincitrice delle Comunarie spiega: “I nomi dei candidati consiglieri non erano noti a nessuno – ha detto ancora Cassimatis – Tra le persone che mi avevano votato poteva anche esserci un camorrista ma non io potevo saperlo. La responsabilità del vaglio delle candidature era dello Staff che ha avuto due momenti per controllarle. Ma anche se avessi avuto il voto di un camorrista il regolamento mi avrebbe consentito, una volta accertata questa evenienza, di ricusarlo. Pirondini, il candidato che ha perso le Comunarie il 14 marzo, ha pubblicato un post in cui chiedeva che venissero resi noti i nomi di chi mi ha votato perché potenziali cospiratori e traditori del Movimento. Forse che lui conosceva già i nomi della mia lista?”. A più di 10 giorni dal voto “questi nomi non sono ancora stati tutti resi noti”.

Per il momento, conferma la Cassimatis, nessuno è stato espulso, “ma forse lo saremo domani mattina”. Aggiunge che non si è cancellata dal blog e non sa se voterà per Pirondini: “D’altra parte, stiamo chiedendo che la sua lista sia sospesa”. “Ci siamo candidati per portare avanti delle idee e non delle persone – ha concluso Cassimatis -. E’ veramente pesante pensare che un leader politico possa aver messo alla berlina delle persone che hanno lavorato per lui gratuitamente”.

Sul caso interviene anche Alice Salvatore, consigliera regionale del M5s: “Un ricorso al Tar inopportuno – lo definisce – Beppe Grillo ha da sempre avuto un ruolo di garanzia per il M5S perché prevenire è meglio che curare, non so e non ho chiesto a Beppe Grillo perché ha tolto il simbolo a Marika Cassimatis, non mi compete e mi fido del garante“. Salvatore è una delle figure più fidate di Grillo in Liguria. Pirondini, candidato sindaco dei Cinquestelle a Genova, è considerato vicino a lei. “Le carte le stanno chiedendo i giornalisti a Beppe Grillo, continuate a chiederle – conclude – Vediamo se il garante reputa necessario fornirle ai media”.