Stephen Hawking non è solo uno dei cosmologi più famosi del mondo, ma è anche un sognatore e un uomo che, con uno sguardo visionario e nonostante un corpo afflitto da una malattia neurodegenerativa, sa andare oltre. E per questo che non stupisce la notizia della sua immediata risposta affermativa a un progetto straordinario per chiunque: volare nello spazio. “Ho detto subito sì” racconta lo scienziato dei buchi neri nella trasmissione tv Good Morning Britain parlando dell’invito a occupare uno posto sul volo della Virgin Galactic di Richard Branson.

Il fisico ha accettato il biglietto per un “passaggio” nello spazio previsto nei prossimi anni, quando i voli diventeranno commerciali. “I miei figli mi hanno dato una grande gioia – racconta Hawking – e un’altra grande gioia nella mia vita sarà proprio la possibilità di viaggiare nello spazio”. Solo un anno fa l’astrofisico e il miliardario filantropo di Silicon Valley Yuri Milner avevano annunciato di essersi associati in una nuova ricerca che nello spazio di una generazione potrebbe permettere un viaggio di appena 20 anni dalla Terra alla sua stella più vicina, Alpha Centauri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Classifica Bloomberg – Italiani il popolo più in salute, longevo e sano del mondo

prev
Articolo Successivo

Riscaldamento globale, morta la Grande barriera corallina senza misure di contrasto

next