“Un passo indietro per consentire a Gentiloni di proseguire il cammino senza questo peso addosso”. È quello che il ministro Luca Lotti, indagato nell’inchiesta su Consip, avrebbe dovuto fare secondo Michele Emiliano, presidente della Puglia e candidato alla segreteria del Pd. “Normalmente chi fa parte di un organismo collegiale o ha responsabilità così importanti evita di mettere i governi in una condizione di tale difficoltà, evita di costringere addirittura un Parlamento a intervenire sulla vicenda e risolve il problema diversamente” ha detto Emiliano a margine di un evento a Milano, nel giorno in cui il Parlamento deve discutere la mozione di sfiducia presentata dal M5S contro Lotti. L’aspirante segretario democratico ha parlato di “situazione paradossale”, in cui il ministro e l’amministratore delegato di Consip Luigi Marroni, “due importantissime personalità nominate dal governo”, sostengono sul caso due versioni in contrasto: “O mente uno, o mente l’altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, il contestatore a Emiliano: “Basta, vai a casa”. Lui: “È un pirla, colpa di Renzi se ce ne sono in giro”

prev
Articolo Successivo

M5S, Beppe Grillo come ‘Rimba’ Reagan: senza ghost writer il nulla

next