“Un passo indietro per consentire a Gentiloni di proseguire il cammino senza questo peso addosso”. È quello che il ministro Luca Lotti, indagato nell’inchiesta su Consip, avrebbe dovuto fare secondo Michele Emiliano, presidente della Puglia e candidato alla segreteria del Pd. “Normalmente chi fa parte di un organismo collegiale o ha responsabilità così importanti evita di mettere i governi in una condizione di tale difficoltà, evita di costringere addirittura un Parlamento a intervenire sulla vicenda e risolve il problema diversamente” ha detto Emiliano a margine di un evento a Milano, nel giorno in cui il Parlamento deve discutere la mozione di sfiducia presentata dal M5S contro Lotti. L’aspirante segretario democratico ha parlato di “situazione paradossale”, in cui il ministro e l’amministratore delegato di Consip Luigi Marroni, “due importantissime personalità nominate dal governo”, sostengono sul caso due versioni in contrasto: “O mente uno, o mente l’altro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, il contestatore a Emiliano: “Basta, vai a casa”. Lui: “È un pirla, colpa di Renzi se ce ne sono in giro”

next
Articolo Successivo

M5S, Beppe Grillo come ‘Rimba’ Reagan: senza ghost writer il nulla

next