Una banda di minorenni rapinatori seriali che agiva tra le province di Napoli e Caserta è stata sgominata dai Carabinieri. Sono ritenuti responsabili di 21 colpi. In un video sono anche documentati gli assalti a due farmacie. Le indagini hanno riguardato una serie di rapine a banche e farmacie e sono state coordinate dalla Procura per i minorenni. I 5, già noti alle forze dell’ordine, agivano armati di pistola Gli impianti di videosorveglianza di banche e attività commerciali li immortalano armati e a volto scoperto. Dopo i colpi postavano sui social frasi sulle loro “imprese“. In un post auguravano la “presta libertà” a 2 indagati presi dopo una rapina in gioielleria. Un altro post conteneva insulti alle forze dell’ordine, mentre in un terzo uno di loro si autodefiniva “pistolero presso rapinatore“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini a Napoli, irruzione dei centri sociali: occupata la sala congressi dove parlerà il leader della Lega

prev
Articolo Successivo

Roma, “sfrattando noi la Raggi sfratta la città solidale”. In Campidoglio l’assedio di malati e associazioni

next