Una banda di minorenni rapinatori seriali che agiva tra le province di Napoli e Caserta è stata sgominata dai Carabinieri. Sono ritenuti responsabili di 21 colpi. In un video sono anche documentati gli assalti a due farmacie. Le indagini hanno riguardato una serie di rapine a banche e farmacie e sono state coordinate dalla Procura per i minorenni. I 5, già noti alle forze dell’ordine, agivano armati di pistola Gli impianti di videosorveglianza di banche e attività commerciali li immortalano armati e a volto scoperto. Dopo i colpi postavano sui social frasi sulle loro “imprese“. In un post auguravano la “presta libertà” a 2 indagati presi dopo una rapina in gioielleria. Un altro post conteneva insulti alle forze dell’ordine, mentre in un terzo uno di loro si autodefiniva “pistolero presso rapinatore“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini a Napoli, irruzione dei centri sociali: occupata la sala congressi dove parlerà il leader della Lega

next
Articolo Successivo

Roma, “sfrattando noi la Raggi sfratta la città solidale”. In Campidoglio l’assedio di malati e associazioni

next