Una banda di minorenni rapinatori seriali che agiva tra le province di Napoli e Caserta è stata sgominata dai Carabinieri. Sono ritenuti responsabili di 21 colpi. In un video sono anche documentati gli assalti a due farmacie. Le indagini hanno riguardato una serie di rapine a banche e farmacie e sono state coordinate dalla Procura per i minorenni. I 5, già noti alle forze dell’ordine, agivano armati di pistola Gli impianti di videosorveglianza di banche e attività commerciali li immortalano armati e a volto scoperto. Dopo i colpi postavano sui social frasi sulle loro “imprese“. In un post auguravano la “presta libertà” a 2 indagati presi dopo una rapina in gioielleria. Un altro post conteneva insulti alle forze dell’ordine, mentre in un terzo uno di loro si autodefiniva “pistolero presso rapinatore“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini a Napoli, irruzione dei centri sociali: occupata la sala congressi dove parlerà il leader della Lega

next
Articolo Successivo

Roma, “sfrattando noi la Raggi sfratta la città solidale”. In Campidoglio l’assedio di malati e associazioni

next