Un uomo di 61 anni, John Edwards, si è fatto seppellire in una bara vicino a una chiesa di Belfast, nell’Irlanda del Nord, e lì è rimasto per tre giorni e tre notti. Una bara particolare, attrezzata di tutto l’occorrente per permettere all’uomo di trasmettere dirette sui social da sottoterra. Lo scopo dell’iniziativa lanciata da Edwards, ex tossicodipendente e alcolista, è quello di lanciare un messaggio a chi soffre, a chi si trova in depressione e con problemi legati all’ abuso di droghe e alcol.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europarlamento revoca l’immunità a Marine Le Pen per “pubblicazione di foto violente” su Twitter

next
Articolo Successivo

Siria, Palmira strappata all’Isis per la seconda volta dall’esercito lealista di Assad

next