‘’Avevo un piccolo sogno. Se avessero appoggiato tre mesi il mio governo, gli avrei presentato tre lenzuolate di riforme, e voglio vedere se non le votavano”. È questo, sintetizzato, il succo del discorso rivolto al Movimento 5 stelle da Pierluigi Bersani, alla sua prima uscita pubblica dopo la rottura con il Pd di Matteo Renzi. L’ex segretario Pd ricorda con un pizzico di rimpianto la mancata alleanza con il Movimento. Siamo a inizio legislatura, ai tempi delle ormai famigerate consultazioni in streaming, quando Bersani fu incaricato di trovare una alleanza di governo. “Volevo lasciare a futura memoria che non ero io che gli mettevo le dita negli occhi”, dice riferendosi ai pentastellati. “Ci fossero mai stati per un po’, io avevo anche un mio piccolo sogno: butto lì tre lenzuolate (di riforme, ndr) sui temi della vita comune dei cittadini, poi erano affari loro se andavano via”. Bersani, davanti a oltre 600 persone venute a sentirlo in un palazzetto di Modena, sembra ancora tendere la mano ai Cinque stelle. Li considera “portatori di qualcosa di cui dobbiamo discutere”. Di più, considera i 5 stelle un ultimo argine, contro qualcosa di peggio, riferendosi probabilmente al pericolo di un emergere di partiti populisti e xenofobi o di un pericoloso allontanamento dalla politica da parte della gente: “Il M5s – dice Bersani – tiene in stand by una situazione per la quale che se non si ha uno sbocco rapido in un rinvigorimento del centrosinistra, prima o poi viene su di peggio”.’

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stadio Roma, Raggi scherza (in un inglese perfetto) con Pallotta: “Il progetto? Lo amiamo”

prev
Articolo Successivo

Pd, Scanzi: “Scissionisti infedeli? Se al Fatto andassero Cerasa, Rondolino e Meli, anche io me ne andrei”

next