Niente da fare per ‘Fuocoammare‘ di Gianfranco Rosi, candidato come migliore documentario: l’Oscar in questa categoria è andato a ‘O.J.: Made in America’, regia di Ezra Edelman sulla storia dell’ex campione di football O. J. Simpson, oggi in carcere per omicidio. Ma l’Italia può gioire per l’Oscar al miglior trucco, andato ai trio di truccatori di ‘Suicide Squad’, di cui fanno parte due make up artist italiani: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini (l’altro è Christopher Nelson). Bertolazzi dal palco ha dedicato il premio “atteso da 50 anni” agli “immigrati” come lui e alla moglie scomparsa. Ed è un inno alla convivenza nella diversità anche il lungometraggio d’animazione Zootropolis di Rich Moore e Byron Howard, che si è aggiudicato l’Oscar per la sua categoria
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La La L’altro, Oscar al film sbagliato. Ecco come è andata: scuse al vincitore nell’imbarazzo generale

prev
Articolo Successivo

Australia, attentato incendiario alla moschea. Uomini incappucciati ripresi dalla videosorveglianza

next