Niente da fare per ‘Fuocoammare‘ di Gianfranco Rosi, candidato come migliore documentario: l’Oscar in questa categoria è andato a ‘O.J.: Made in America’, regia di Ezra Edelman sulla storia dell’ex campione di football O. J. Simpson, oggi in carcere per omicidio. Ma l’Italia può gioire per l’Oscar al miglior trucco, andato ai trio di truccatori di ‘Suicide Squad’, di cui fanno parte due make up artist italiani: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini (l’altro è Christopher Nelson). Bertolazzi dal palco ha dedicato il premio “atteso da 50 anni” agli “immigrati” come lui e alla moglie scomparsa. Ed è un inno alla convivenza nella diversità anche il lungometraggio d’animazione Zootropolis di Rich Moore e Byron Howard, che si è aggiudicato l’Oscar per la sua categoria

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

La La L’altro, Oscar al film sbagliato. Ecco come è andata: scuse al vincitore nell’imbarazzo generale

next
Articolo Successivo

Australia, attentato incendiario alla moschea. Uomini incappucciati ripresi dalla videosorveglianza

next