“Lo abbiamo aiutato a ottenere quello che voleva”. Sono queste le parole del radicale Marco Cappato, a poche ore dalla morte di Dj Fabo, l’uomo cieco e tetraplegico che, dopo diversi appelli alle istituzioni italiane, ha deciso di andare in Svizzera per chiedere il suicidio assistito. Ad accompagnare Fabo a Zurigo è stato proprio Cappato. “Ha ottenuto l’assistenza medica alla morte volontaria – ha spiegato al Fattoquotidiano.it il tesoriere della’Associazione Luca Coscioni – rispettando le regole di un paese che non è il suo Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia, il dibattito in parlamento avviato (e fermo) da un anno. La video-scheda

next
Articolo Successivo

Eutanasia: grazie Cappato, accompagnandolo in Svizzera hai liberato Fabo

next