Critiche sferzanti della giornalista del Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, e del direttore di Libero, Vittorio Feltri, al presidente dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, riguardo alla vicenda dell’esposto presentato dal deputato M5S, Luigi Di Maio, contro l’ordine e in particolare alla lista dei 9 giornalisti che avrebbero danneggiato il movimento di Grillo. “Il presidente dell’Odg, Enzo Iacopino” – esordisce Meli, durante L’Aria che Tira (La7)- “, invece di mandare a quel paese Di Maio gli ha chiesto addirittura la lista dei nomi e cognomi dei giornalisti a lui sgraditi. In questo modo, si è consentito ai politici di decidere chi è il buono e chi è il cattivo. Una cosa allucinante e gravissima da parte dell’Odg, che andrebbe sciolto nell’acido muriatico“. In sintonia con la firma del Corriere, è Vittorio Feltri, che rincara: “Brava, bruciamolo. E’ una cosa penosa rivolgersi all’odg anche perché l’odg è un ente inutile e dannoso, che andrebbe abolito. Poi c’è il presidente, di cui non ricordo il nome, che sta ad ascoltare Di Maio. Ma che ti frega di lui?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Raggi, Sabrina Ferilli: “Mi piace moltissimo. Non sta succedendo niente”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Battista: “Critiche a Giornalisti? Atti d’amore. Ok attenzione ma esistono anche gli altri”

next