La Polizia di Milano ha scoperto e arrestato due serbi, accusati di essere gli autori della rapina alla gioielleria Eleuteri di Milano, avvenuta il 21 settembre del 2016. I due agivano con modalità simili a quelle dei “Pink panthers“, ossia un gruppo di rapinatori che ha colpito gioiellerie delle maggiori città europee. In questo caso, uno dei rapinatori si era presentato alla dipendente come finto cliente, parlando in inglese, e dopo aver chiesto di visionare alcuni gioielli, ha aggredito la donna, gettandola a terra e legandole mani e piedi. L’attività investiga è stata svolta dalla squadra mobile che ha mosso piede dal Quadrilatero della moda di Milano con la collaborazione del Gabinetto regionale di polizia scientifica e il Servizio per la cooperazione internazionale di polizia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, ospite di un centro per migranti chiude operatrice in una stanza per mezz’ora. Lei: “Nessuna violenza sessuale”

prev
Articolo Successivo

Foligno, 45 giorni di assenza in tre mesi. Impiegato del comune nei guai: passava la giornata al bar

next