“Sul reato di immigrazione clandestina, va ribadita la sua inefficacia“. A rivendicarlo nel corso dell’apertura dell’anno giudiziario è il presidente della Corte di Cassazione, Giovanni Canzio. “L’aumento crescente dei flussi migratori sta producendo un impatto notevole anche sulla giurisdizione: è necessaria una semplificazione”, ha spiegato Canzio durante la sua relazione. Per poi rivendicare “l’inefficacia della risposta penale”. “Rispetto al reato di immigrazione clandestina, la configurazione di un illecito e di sanzioni amministrative, fino all’espulsione, darebbe risultati più concreti”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Magistrati, la Cassazione: “Basta fughe di notizie, provocano distorsioni del processo mediatico. Più controlli sui pm”

next
Articolo Successivo

Anm, Davigo: “Il governo vuole scegliere i giudici. È un vulnus senza precedenti”

next