Il presidente uscente Yahia Jammeh si rifiuta di lasciare il potere, che detiene al 1994, nonostante la sconfitta elettorale. Le truppe senegalesi hanno quindi già varcato il confine del Gambia per dirigersi verso la capitale. La crisi di Banjul subisce così una drastica accelerazione, con la fuga di molti turisti e stranieri (foto) che temono violenze e lo scoppio della guerra civile.

Il presidente eletto del Gambia Adama Barrow ha giurato oggi nell’ambasciata del suo paese a Dakar, dove si è rifugiato da quale giorno, e poco dopo è iniziata l’operazione militare. Le truppe del Senegal fanno parte dell’Ecowas, l’organizzazione che raggruppa i Paesi dell’Africa occidentale. Il loro intervento è partito dopo il via libera del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che ha approvato una risoluzione di appoggio a Barrow, invitando Jammeh a lasciare pacificamente il Paese.

Uscito vincitore dalle elezioni presidenziali del 1 dicembre 2016 e riconosciuto come legittimo Capo dello Stato gambiano dalla comunità internazionale, Barrow sabato scorso si è rifugiato nel paese vicino nel timore di violenze. Jammeh ha infatti deciso di non cedere il potere e, inseguito anche al fallimento dell’ultimo tentativo fatto dal leader della Mauritania Ould Abdel Aziz per convincerlo, Barrow dopo l’insediamento potrà chiedere l’intervento militare in Gambia dei Paesi della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale per far rispettare il trasferimento di poteri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, New York Times investe 5 milioni dollari per inchieste su Trump: “Vogliamo dare giornalismo di profondità”

next
Articolo Successivo

Brasile, morto in incidente aereo il giudice che si occupava del processo sui fondi neri di Petrobras

next