Non per i soldi, come Pietro Maso. Né per l’odio, come Erika De Nardo. Sarebbero stati i continui litigi per i brutti voti a scuola a spingerlo a far massacrare da un amico i genitori, finiti a colpi d’ascia. Era stato lui a trovare i loro cadaveri con il cranio fracassato e avvolto in sacchetti di plastica, un particolare che aveva subito fatto pensare agli inquirenti che quella fosse una messinscena per simulare una rapina. E così le indagini sul duplice omicidio di Pontelangorino (Ferrara) sono arrivate già a una svolta. Sono stati fermati il figlio sedicenne di Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45 anni, e un suo amico di 17 anni, che avrebbe accettato di uccidere in cambio della promessa di mille euro. Il provvedimento è scattato dopo gli interrogatori durati tutta la notte in caserma dei carabinieri a Comacchio. Alla fine entrambi hanno confessato davanti al pm Giuseppe Tittaferrante della procura di Ferrara e alla collega Silvia Marzocchi della procura minorile.

I due adolescenti sono caduti in molte contraddizioni e il loro racconto su come avevano passato la giornata era pieno di falle. Alla fine sono crollati e hanno ammesso di aver massacrato i coniugi, titolari del ristorante “La Greppia” di San Giuseppe di Comacchio. Il 16enne – come ha ricostruito il procuratore capo Bruno Cherchi – da tempo pianificava il delitto. I rapporti con i genitori erano ormai lacerati, forse anche a causa del suo scarso rendimento scolastico (anche se il movente non è stato ancora individuato con certezza). Da qui la voglia di farli fuori. Ma per farlo aveva bisogno di un aiuto. Per questo – secondo l’Adnkronos – avrebbe siglato un accordo con l’amico: 80 euro subito e la promessa di altri 920 dopo il delitto. All’inizio il 17enne avrebbe esitato. Ma alla fine, come ricostruisce ancora l’agenzia, sarebbe stato proprio lui a commettere materialmente il duplice omicidio, mentre il figlio della coppia avrebbe atteso in un’altra stanza che si compisse il massacro perché non aveva il coraggio di assistere a quello scempio. L’amico è entrato nella camera da letto dei Vincelli tramite una porta finestra, lasciata appositamente aperta dal figlio, e ha portato a termine il lavoro.

E’ stato lui il primo a crollare e a consegnare ai carabinieri gli 80 euro ricevuti dall’amico. Dopo la confessione i due hanno fatto ritrovare anche l’ascia e i loro vestiti impregnati di sangue. Avevano gettato tutto in un corso d’acqua a Caprile, frazione adiacente a Pontelangorino, dove fino a qualche mese fa la famiglia Vincelli abitava e dove vive il complice, che compirà 18 anni a novembre.

Ieri intorno alle 13 era stato il ragazzino a dare l’allarme rincasando nella villetta di via Fronte Primo Tronco 100/A. Prima aveva avvertito una zia, poi i carabinieri. Lo aveva fatto piangendo. Nunzia Di Gianni era stata trovata in cucina. Uccisa con sei colpi di scure. A morire per primo, però, era stato Salvatore Vincelli, a cui ne erano stati inferti tre. Il suo corpo era stato trascinato fino al garage. In un primo momento i due adolescenti avevano pensato di inscenare la scomparsa dei coniugi, ma non erano riusciti a portare fuori dalla villetta i due cadaveri e a sbarazzarsene. Così avevano ripiegato sulla “rapina“, inventando di aver trovato la coppia già morta. Ma gli investigatori avevano subito notato che il loro racconto faceva acqua da tutte le parti. E non solo. Perché in casa non erano stati trovati segni di effrazione e non era stato portato via neppure un euro. Per questo fin dall’inizio avevano ipotizzato che fosse stato proprio lui a compiere il delitto, magari con l’aiuto di qualcuno. Un’intuizione che alla fine si è rivelata giusta. Anche se nessuno poteva immaginare che dietro quella carneficina si nascondessero motivi così banali. Qualche litigio e la promessa di mille euro sono bastati per uccidere due persone.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rimini, sfregiata con l’acido: fermato ex compagno. Pm chiesero già l’arresto, ma gip impose divieto di avvicinamento

next
Articolo Successivo

Coppia uccisa dal figlio e dall’amico nel Ferrarese, i coetanei: “Erano inseparabili, sia a scuola che nel tempo libero”

next