Un kamikaze alla guida di un’auto si è lanciato contro un checkpoint davanti a un edificio della polizia nella città di al-Arish, nel nord del Sinai: almeno 8 agenti sono rimasti uccisi e altre 13 persone, di cui almeno 4 civili, sono state ferite. Dopo l’esplosione, che ha distrutto tre piani di un palazzo, gli aggressori hanno aperto il fuoco e lanciato granate contro il posto di blocco. Secondo l’agenzia stampa Ap, il veicolo usato era un camion della spazzatura imbottito di esplosivo. L’attacco non è ancora stato rivendicato. Gli insorti islamici nella penisola del Sinai hanno guadagnato terreno dopo la caduta del presidente Mohamed Morsi nel 2013.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Akbar Hashem Rafsanjani morto, l’ex presidente iraniano aveva 82 anni

next
Articolo Successivo

Iraq: dall’Isis alle milizie sciite, i crimini di guerra si commettono con le armi occidentali

next