Un kamikaze alla guida di un’auto si è lanciato contro un checkpoint davanti a un edificio della polizia nella città di al-Arish, nel nord del Sinai: almeno 8 agenti sono rimasti uccisi e altre 13 persone, di cui almeno 4 civili, sono state ferite. Dopo l’esplosione, che ha distrutto tre piani di un palazzo, gli aggressori hanno aperto il fuoco e lanciato granate contro il posto di blocco. Secondo l’agenzia stampa Ap, il veicolo usato era un camion della spazzatura imbottito di esplosivo. L’attacco non è ancora stato rivendicato. Gli insorti islamici nella penisola del Sinai hanno guadagnato terreno dopo la caduta del presidente Mohamed Morsi nel 2013.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Akbar Hashem Rafsanjani morto, l’ex presidente iraniano aveva 82 anni

next
Articolo Successivo

Iraq: dall’Isis alle milizie sciite, i crimini di guerra si commettono con le armi occidentali

next