Antonio Cerri, ex ispettore dell’Asl di Pavia, è morto a 67 anni dopo una vita dedicata al censimento ed alla lotta all’amianto nel distretto di competenza. A stroncarlo è stato un mesotelioma pleurico, la malattia che tipicamente è prodotta dalle fibre di amianto respirate. Per tutti gli anni ’80 e parte dei ’90, Cerri ha effettuato le sue ispezioni (anche presso la famigerata Fibronit – azienda di cemento e amianto – di Broni) senza avere in dotazione particolari tute o maschere per la sua sicurezza. Ecco perché oggi la famiglia ha deciso di continuare la battaglia legale contro l’attuale Ast (l’allora Asl) e chiedere il giusto risarcimento all’azienda sanitaria territoriale. Ma quello sul quale punta oggi il figlio di Cerri, Davide, è la necessità di bonificare il territorio di tutto l’amianto ancora presente: “Mio padre mi raccontava che in giro ce n’è moltissimo; oltre che nelle grandi aziende che lo lavorava, anche sui tetti delle case, nei tubi e via discorrendo”. Gli fa eco il dottor Paolo Manazza, ex medico del lavoro ed amico e collega di Cerri. “L’amianto non perdona – dice – bastano anche pochissime fibre per far sviluppare al nostro organismo il mesotelioma. E questo è un tipo di tumore incurabile”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Una speranza per il 2017. Che sia l’anno in cui abbatteremo i muri

prev
Articolo Successivo

Animali maltrattati, nasce sul web la protesta contro la corsa con i cani da slitta in Alaska

next