Antonio Cerri, ex ispettore dell’Asl di Pavia, è morto a 67 anni dopo una vita dedicata al censimento ed alla lotta all’amianto nel distretto di competenza. A stroncarlo è stato un mesotelioma pleurico, la malattia che tipicamente è prodotta dalle fibre di amianto respirate. Per tutti gli anni ’80 e parte dei ’90, Cerri ha effettuato le sue ispezioni (anche presso la famigerata Fibronit – azienda di cemento e amianto – di Broni) senza avere in dotazione particolari tute o maschere per la sua sicurezza. Ecco perché oggi la famiglia ha deciso di continuare la battaglia legale contro l’attuale Ast (l’allora Asl) e chiedere il giusto risarcimento all’azienda sanitaria territoriale. Ma quello sul quale punta oggi il figlio di Cerri, Davide, è la necessità di bonificare il territorio di tutto l’amianto ancora presente: “Mio padre mi raccontava che in giro ce n’è moltissimo; oltre che nelle grandi aziende che lo lavorava, anche sui tetti delle case, nei tubi e via discorrendo”. Gli fa eco il dottor Paolo Manazza, ex medico del lavoro ed amico e collega di Cerri. “L’amianto non perdona – dice – bastano anche pochissime fibre per far sviluppare al nostro organismo il mesotelioma. E questo è un tipo di tumore incurabile”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Una speranza per il 2017. Che sia l’anno in cui abbatteremo i muri

next
Articolo Successivo

Animali maltrattati, nasce sul web la protesta contro la corsa con i cani da slitta in Alaska

next