Si intitola “Virginia Raggi asfalta la maggioranza sul buco di 853 milioni”, il video pubblicato su Youtube il 21 giugno 2015 dall’attuale presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito. Mostra una Virginia Raggi ancora tra i banchi dell’opposizione. L’allora consigliera comunale a 5 stelle ricordava alla maggioranza targata Pd che “sarebbe meglio ascoltare le riserve e le eccezioni formulate dall’Oref e correggere un po’ il tiro: cosa che non fate mai”. E aggiunge: “Oref che, vi ricordo, è l’organo di revisione economico finanziaria del comune. Un organo indipendente, che quindi noi dovremmo ascoltare molto attentamente”. Lo stesso organo che ha bocciato il bilancio previsionale della giunta di Virginia Raggi, oggi sindaca di Roma

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, bilancio bocciato: difficile ok entro l’anno. Ma con la proroga concessa dal governo c’è tempo fino a fine febbraio

next
Articolo Successivo

Roma, viva il M5s! Ma qualche cosa deve cambiare

next