La scoperta, fatta studiando una forma particolarmente aggressiva di tumore della mammella, potrebbe valere anche per altri tumori a disseminazione precoce, come il melanoma e il cancro del pancreas, ridefinendo il concetto di metastasi e aprendo la strada a nuove strategie di cura che ne blocchino lo sviluppo. Due gruppi di ricercatori – riporta l’Ansa – hanno individuato quella che potrebbe essere definita l’origine silenziosa del cancro, ovvero il meccanismo estremamente precoce con cui le cellule malate cominciano a diffondersi nell’organismo prima ancora che si formi il tumore vero e proprio. Gli studi indipendenti sono stati pubblicati su Nature dal team di Julio Aguirre-Ghiso, alla Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York, e da quello di Christoph Klein, dell’Università di Ratisbona, in Germania.

Le due ricerche sono state condotte sul tumore della mammella Her-2 positivo, studiato nei topi e nelle biopsie da paziente. Grazie a colture cellulari in 3D e innovative tecniche di visualizzazione ad alta risoluzione in vivo, i ricercatori hanno osservato in diretta che alcune cellule impazzite del tessuto mammario, stimolate dall’ormone progesterone, possono iniziare a distaccarsi dalla lesione precancerosa ancora prima che il tumore vero e proprio abbia preso forma. Una volta entrate nel sangue, queste pioniere vanno a colonizzare il midollo osseo, i polmoni e altri organi, dove possono rimanere quiescenti per periodi molto lunghi risultando immuni alla chemioterapia (efficace soltanto sulle cellule attive e capaci di dividersi). A distanza di tempo, una sveglia molecolare suona nel loro Dna scuotendole dal torpore: riprendendo a proliferare, queste cellule finiscono per generare metastasi molto più aggressive rispetto a quelle prodotte dalle cellule malate ritardatarie che si distaccano in un secondo momento dal tumore già formato.

Secondo Aguirre-Ghiso, questi risultati “potrebbero fare luce su fenomeni giudicati finora inspiegabili, come ad esempio il fatto che il 5% dei pazienti oncologici nel mondo presenti metastasi pur non avendo un tumore originario e, soprattutto, potrebbero spiegare perché sia così difficile trattare il cancro una volta che si è diffuso. Da un punto di vista biologico, questo nuovo modello fa incrinare le certezze che pensavamo di avere sulla diffusione del cancro. È probabile che dovremmo rivedere le idee che ci siamo fatti sulle metastasi. La nostra speranza – conclude l’oncologo – è che queste scoperte ridefiniscano il modo in cui pensiamo di trattare le metastasi”.

Lo studio su Nature/1

Lo studio su Nature/2

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, il primo trapianto al mondo di un rene al posto della milza salva la vita a una bambina di sei anni

prev
Articolo Successivo

Ricerca, “uno studio clinico su 5 in Europa è italiano ma la fuga di cervelli ci costa un miliardo di euro l’anno”

next