Babbo Natale dovrà accontentarsi di far trainare la sua slitta da renne più piccole e decisamente più magre. Conseguenza del cambiamento climatico che nella parte più settentrionale della Norvegia significa meno neve e più piogge. Ma la pioggia ghiaccia e rende più complicato per gli animali cibarsi di muschi e licheni. Un effetto che gli studiosi hanno registrato monitorando una media di 135 animali l’anno, dal 1994 al 2015, nell’arcipelago delle Svalbard, nel Mar Glaciale Artico. Rilevando una diminuzione della massa corporea del 12%, che ha finito per influire sulla taglia dei nuovi nati. Il paradosso? La speranza è riposta in un ulteriore innalzamento delle temperature, che accorciando l’inverno limiterebbe il periodo in cui il cibo è coperto dal ghiaccio, attualmente di ben otto mesi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Trump e l’ambiente: dove vedremo i danni maggiori?

prev
Articolo Successivo

‘L’inquinamento riduce il quoziente intellettivo’. Anche a Taranto

next