Condanna di tre anni e quattro mesi di carcere per Stefano Ricucci, a oltre undici anni dalla calda estate delle scalate bancarie e al Corriere della Sera. L’ex odontotecnico di Zagarolo nel luglio scorso era tornato dietro le sbarre per un presunto giro di false fatturazioni da un milione di euro utilizzate al fine di ottenere liquidità finanziaria. La sentenza è arrivata in un processo con rito abbreviato dove Mirko Coppola, altro immobiliarista e coimputato nel procedimento, ha ricevuto una condanna a due anni e sei mesi. Il processo è parte di un’inchiesta che coinvolse, nel luglio scorso, una decina di persone tra commercialisti, prestanome, il figlio di quell’Enrico Nicoletti ritenuto cassiere della banda della Magliana, e un giudice tributario al quale secondo i pm sarebbero arrivate donne e regali in cambio di una sentenza favorevole. Gli accertamenti culminati nell’arresto di Ricucci e di Coppola furono eseguiti nel quadro di un più ampio giro di false fatturazioni dal quale scaturirono una quarantina di perquisizioni tra Lazio, Campania e Lombardia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Borsa, salgono le attese di un intervento statale sulle banche e Piazza Affari vola (+4,15%)

next
Articolo Successivo

Credit Suisse, tagli ai costi per un miliardo di franchi entro la fine del 2018

next