Dalla Nuvola di Fuksas a Roma, nel corso di un’iniziativa per il al referendum costituzionale, Matteo Renzi non ha risparmiato provocazioni verso il Movimento 5 Stelle e il sindaco della Capitale Virginia Raggi. “Ho sentito che non vuole fare la senatrice. Ma la domanda dei cittadini romani credo sia quando inizierà a fare il sindaco”, ha attaccato il premier. Non sono mancate nemmeno le frecciate sarcastiche sul caso delle firme false, che vede coinvolti diversi esponenti pentastellati tra Palermo e Bologna: “I Cinque stelle hanno detto che bisogna abbassare il numero di firme per il referendum? Non volevo dirglielo, ma questa cosa c’è nella riforma. L’unica cosa è che le firme devono essere vere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, M5S rilancia Raggi come testimonial del “No” alla riforma di Renzi

next
Articolo Successivo

Referendum, Matteo Renzi si dimetterà in caso di sconfitta?

next