“Dicono che se vince il No vince il populismo. Ma Renzi alla Leopolda ha detto che la pancia del Paese è per il cambiamento e un richiamo alla pancia è tipico del populismo”. La costituzionalista Lorenza Carlassare è stata una delle tante partecipanti al Cinema Odeon di Firenze a Quelli che amaNO la Costituzione. L’iniziativa è organizzata da Libertà e Giustizia ed è l’evento conclusivo della campagna referendaria dell’associazione che da anni si batte a difesa della Carta e dell’applicazione dei suoi principi. Anche Alessandro Pace, presidente del Comitato per il No non ha dubbi: “Hanno modificato l’articolo uno della Costituzione (la sovranità appartiene al popolo, ndr). Noi non voteremo più il Senato. Questa riforma non deve passare, è incostituzionale”. Tra i tanti ospiti Gustavo Zagrebelsky, Roberto Zaccaria, Ugo De Siervo, la giornalista del Fatto Quotidiano Silvia Truzzi e tanti altri

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforme, Smuraglia (Anpi): “Per il No lo stesso impegno di 70 anni fa per la Liberazione”

next
Articolo Successivo

Referendum, il Financial Times evoca l’apocalisse: “Se vince il No, 8 banche a rischio fallimento”

next