Non ne avrei scritto. Troppo lungo e complesso. Poi ho letto alcuni articoli di colleghi, su altri giornali, solo preoccupati di dire una frase polemica, qualcosa che riesca a “bucare” l’indifferenza in cui spesso precipitano i loro articoli. Allora dirò solo due parole.

L’avventura di Fidel Castro e della rivoluzione cubana è una storia unica per la nostra vicenda umana. Cuba è stata il confine tra mondi, modelli, impostazioni. Una sutura e una ferita, in cui i lembi irritati non hanno mai smesso di guarire e riaprirsi. Un’isola a poche miglia dal più grande colosso mondiale che ha deciso di ribellarsi alla sua influenza e tentare una via propria. Giovani laureati che avevano un ottimo futuro personale decisero di stravolgere il proprio destino e quello delle loro famiglie per ribellarsi a un tiranno eterodiretto che aveva reso puttane le loro madri e le loro sorelle, e fatto merce dei loro cuori e delle loro speranze.

Fino a che non fu inevitabile e necessario, Cuba rimase autonoma e libera, neppure comunista, semplicemente unica. I giovani rivoluzionari si sparsero per le campagne insegnando a leggere e a scrivere a masse tenute nell’ignoranza. Cuba divenne uno dei luoghi più scolarizzati al mondo, nazionalizzò ciò che era stato svenduto a privati corruttori, organizzò un nuovo modello di sussistenza in cui istruzione, salute, sicurezza e dignità potessero essere garantite. Nessun paese in centro e sud America fece mai nulla di simile. Un laboratorio senza eguali, sopravvissuto a decenni di guerra fredda e aggressioni.

Poi, dall’epoca del crollo dell’Urss in avanti, quell’ispirazione andò perdendosi. La dittatura, la burocrazia orligarchica, umiliarono progressivamente i diritti civili fondamentali, perpetrando un tragico e violento ostracismo verso dissidenza, diversità, libertà, opinione. Una pena, per me e per molti, trovarsi a disprezzare ciò che si era amato e ammirato, ciò in cui si era sperato. Ma fu spesso inevitabile, dati i fatti, e le tante cause, le tante pur vere motivazioni di questa deriva autoritaria, rendono solo comprensibile il processo, non possono cambiare il giudizio.

Oggi molti si affrettano a scrivere, citando Fidel, che la storia non lo assolverà. Si vede che Cuba e una certa utopia egualitaria, resistente, libertaria, non vanno più di moda. Un atteggiamento penoso, monco, che non consentirebbe di capire Cuba a un marziano precipitato sulla Terra, e che non si addice a commentatori che ambiscano a sembrare illuminati.

Ricordo un grande cartello, appena fuori dall’aeroporto José Martì all’Havana. Colpì subito la mia attenzione. C’era scritto: Ante todo, tenemos dignidad (prima di ogni altra cosa, abbiamo una dignità). Per decenni è stato così, ed è già uno straordinario miracolo, che dovremmo ammirare e studiare. Come sappiamo oggi, sulla nostra pelle, la dignità conta quanto il cibo, quanto l’acqua, quanto e più della libertà, forse. Peccato che chi commenta la morte di Fidel non se ne ricordi, e così dimenticando, ne perda un po’.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, il promo fa un milione di clic e alla fine il sindaco cede: “Costruiremo il luna park termale”

next
Articolo Successivo

Iraq, Parlamento legalizza le milizie sciite: potranno entrare a Mosul. Ira dei sunniti

next