Un vero e proprio tesoro nelle nostre meningi, le membrane che avvolgono il sistema nervoso centrale. È lì che è stata scoperta una fonte di nuovi neuroni per il cervello, che rappresent una preziosa riserva potenzialmente in grado di dare origine a cellule nervose di ricambio. Lo studio, partito dall’università Statale di Milano e dall’università di Verona, è pubblicato su Cell Stem Cell e potrebbe fornire una nuova arma nella lotta alle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e la sclerosi multipla.

Il lavoro, multicentrico, ha coinvolto i due atenei italiani, l’Istituto di ricerca belga Vib, il German Cancer Research Center (Dkfz), l’Univesità di Antwerp in Belgio e lo Swiss Federal Institute of Technology. Gli scienziati hanno dimostrato che nelle meningi si nascondono delle staminali neurali. Queste cellule hanno origine durante lo sviluppo embrionale e dopo la nascita migrano dalle meningi all’interno del cervello, dove si trasformano in nuovi neuroni della corteccia encefalica, capaci di connettersi e comunicare con i circuiti neuronali già esistenti.

“Questa ricerca aggiunge un importante tassello nella comprensione degli eventi che contribuiscono alla formazione dei neuroni del nostro cervello, rivelando che anche dopo la nascita vengono aggiunti nuovi neuroni nella corteccia encefalica”, spiegano gli autori. I risultati – sottolineano dall’università degli Studi di Milano – sono il frutto di un progetto ideato da Francesco Bifari del Dipartimento di biotecnologie mediche e medicina Traslazionale dell’ateneo meneghino, e di Ilaria Decimo dell’università di Verona, portato avanti con dal team internazionale. La dimostrazione della presenza nelle meningi di staminali neurali, le cellule che assicurano la rigenerazione di nuovi neuroni, potrebbe assumere secondo i ricercatori “un significato molto importante per lo sviluppo di terapie per la cura delle malattie neurodegenerative“.  “Il prossimo passo – precisa Bifari – sarà studiare il ruolo delle cellule staminali delle meningi nelle malattie in cui i neuroni sono danneggiati, quali ad esempio la sclerosi multipla, la lesione del midollo spinale e la malattia di Alzheimer”.

Lo studio su Stem Cell Stem

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Maschilisti e playboy più soggetti a rischio malattie mentali” per studio Usa

prev
Articolo Successivo

Terremoti, impossibile prevederli ma ricercatori possono “leggere” le faglie e valutare rischio

next