“Oggi festeggiamo i 6 milioni di utenti su Change.org in Italia: un italiano su dieci usa la nostra piattaforma per portare il cambiamento in una situazione che gli sta a cuore”. Queste sono le parole che commentano il risultato sul profilo Facebook dell’organizzazione famosa per le petizioni on-line. In quattro anni le adesioni al sito di Change.org sono da 136mila a 6 milioni. Le petizioni, anche se non riescono ad avere successo, raccontano quasi sempre storie di persone non famose, ma molto determinate.

Change.org è uno strumento “utile e semplice” dove tutti i cittadini possono provare a “migliorare la realtà in cui si vive”.. “Noi – sostiene lo staff italiano – ci abbiamo scommesso tutto, sacrificando riposo e tranquillità, per dare a tutti voi il miglio servizio possibile. E la risposta degli italiani è stata ed è tuttora immensa”.

Ma gli attivisti di Change.org hanno deciso di lanciare ufficialmente una nuova community, quella dei Changer, che sarà composta da tutti quegli utenti italiani che vogliono sostenere anche economicamente la piattaforma. Avranno in cambio servizi e contenuti esclusivi, ma soprattutto potranno dire di sostenere direttamente un motore di cambiamento sociale attivo nel nostro paese. Chi volesse sostenere la nuova iniziativa può farlo aderendo alla sottoscrizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabilità, Sofia rocks, inviato speciale: 28 anni, filosofa, modella e chitarrista

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, Romeo (Lega): “Stipendi donne diversi? Uomini fanno straordinari, loro preferiscono i figli”

next