Maxi-rogo a Ngong, vicino Nairobi. A bruciare, 5250 armi da fuoco illegali sequestrate dalle autorità keniote, molte delle quali sono state consegnate volontariamente dai proprietari. Il vice-presidente del Kenya William Samoei Ruto commenta così su Facebook: “Stiamo distruggendo armi leggere e munizioni in modo tale che non finiscano nelle mani sbagliate, dove potrebbero diventare una minaccia per la società. Questa cerimonia indica l’inizio di una maggiore pace e sicurezza per il Kenya e le sue regioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, 19 arresti in Kosovo: progettavano attentati in vari paesi balcanici

next
Articolo Successivo

Usa, bambini contro presidente Obama per fonti fossili: giudice riconosce diritto a minori di una Ong a fare causa

next