È una droga, ma non si sniffa o si fuma: si guarda. È la dipendenza da Internet, social network e videogiochi. Si tratta di un problema talmente diffuso che in moltissimi Paesi ormai sono nati gruppi di sostegno e programmi di recupero per gamer patologici.  Per raccontarlo, Pablo Trincia è partito dall’Italia ed è arrivato in Cina. Un’inchiesta inedita andata in onda durante la puntata di Announo del 28 maggio 2015 che va tra il mondo reale e quello virtuale, con una domanda in testa: quali sono i pericoli? A Shangai e Pechino ha incontrato videogamers professionisti, ha assistito a grandi eventi dedicati a League of Legends e si è mosso tra chi della propria passione riesce a farne una professione e chi ne rimane schiacciato. Per quelli che ce la fanno ci sono fama e ricchezza, per gli altri i campi di rieducazione, sottoposti al duro codice militare cinese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, arrivati in 15 nell’hotel di Ficarolo (Rovigo). L’albergatore si barrica: “Niente chiavi, pagherete i danni”

prev
Articolo Successivo

Cosentino condannato, quando disse: “Io sono la vittima, schifo la camorra”

next