“È stato Ryan mio cugino gay a suggerirmi di fare la madre surrogata. Mi piaceva essere incinta ma non volevo altri figli”. Racconta Nancy alle telecamere di Servizio Pubblico-Announo, che ha portato in grembo i figli di Gianfranco e Tommaso, coppia gay romana. “Quando li ho incontrati ho pensato che erano la coppia giusta. Lia, la prima, l’ho data immediatamente a loro, all’iniziano avevano bisogno di consigli, ma ho preferito imparassero da soli. Con la gravidanza di Andrea ho rischiato persino la morte, ma ho donato felicità”. E a chi l’accusa di essere una mercenaria risponde: “L’avrei fatto anche gratis”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, dove nascono i figli della maternità surrogata (reportage)

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, appello di Giulia Innocenzi su maternità surrogata: “Perché non regolamentarla?”

next