“È stato Ryan mio cugino gay a suggerirmi di fare la madre surrogata. Mi piaceva essere incinta ma non volevo altri figli”. Racconta Nancy alle telecamere di Servizio Pubblico-Announo, che ha portato in grembo i figli di Gianfranco e Tommaso, coppia gay romana. “Quando li ho incontrati ho pensato che erano la coppia giusta. Lia, la prima, l’ho data immediatamente a loro, all’iniziano avevano bisogno di consigli, ma ho preferito imparassero da soli. Con la gravidanza di Andrea ho rischiato persino la morte, ma ho donato felicità”. E a chi l’accusa di essere una mercenaria risponde: “L’avrei fatto anche gratis”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, dove nascono i figli della maternità surrogata (reportage)

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, appello di Giulia Innocenzi su maternità surrogata: “Perché non regolamentarla?”

next