Il leader del Carroccio, intercettato da un giornalista de La Gabbia Open (La7) fuori da Montecitorio, fa una pessima figura in diritto costituzionale. E, vista la sua scarsezza, il politico che ambisce alla guida del centrodestra farebbe bene a ripassare oppure a non sottoporsi a simili umiliazioni. “Il numero di articoli? 147, anzi 148”, dice all’inviato che fa buon viso a cattivo gioco (gli articoli in realtà sono 139). “I senatori? Sono 300” (invece sono 315 più i senatori a vita nominati dal Quirinale). Ma la perla migliore la tira fuori sul Cnel, il Consiglio nazionale Economia e Lavoro che, nell’accezione salviniana, diventa “comitato nazionale elaborazione legislativa”. C’è da dire che Matteo Salvini è in buona compagnia. Mercoledì 16, in prima serata su La7, Gianluigi Paragone manderà in onda le riposte degli altri politici

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum, il procuratore generale della Cassazione: “Il quesito unico va bene. I ricorsi devono essere respinti”

next
Articolo Successivo

Referendum, perché usare le unioni civili a sostegno del Sì è scorretto

next