“Stasera abbiamo due compiti: onorare i morti e ricominciare la vita. Non li dimenticheremo”: lo ha detto Sting uscendo sul palco del Bataclan a Parigi. Esprimendosi in francese il cantante britannico ha poi chiesto al pubblico di osservare un minuto di silenzio. La prima canzone ‘Fragile‘, scritta da Sting nel 1987, poi ‘Message in a Bottle’. L’ultimo brano del concerto di Sting al Bataclan è stato ‘The empty chair’, cioè ‘La sedia vuota’, in omaggio a chi ha perso i propri cari e deve andare avanti senza di loro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stati Uniti, vita da trimmer: i lavoratori stagionali della marijuana legale

prev
Articolo Successivo

Parigi, Sting al Bataclan. Un minuto di silenzio per le vittime: “Non dimentichiamo”. Poi il concerto

next