“Stasera abbiamo due compiti: onorare i morti e ricominciare la vita. Non li dimenticheremo”: lo ha detto Sting uscendo sul palco del Bataclan a Parigi. Esprimendosi in francese il cantante britannico ha poi chiesto al pubblico di osservare un minuto di silenzio. La prima canzone ‘Fragile‘, scritta da Sting nel 1987, poi ‘Message in a Bottle’. L’ultimo brano del concerto di Sting al Bataclan è stato ‘The empty chair’, cioè ‘La sedia vuota’, in omaggio a chi ha perso i propri cari e deve andare avanti senza di loro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Uniti, vita da trimmer: i lavoratori stagionali della marijuana legale

next
Articolo Successivo

Parigi, Sting al Bataclan. Un minuto di silenzio per le vittime: “Non dimentichiamo”. Poi il concerto

next