“Stasera abbiamo due compiti: onorare i morti e ricominciare la vita. Non li dimenticheremo”: lo ha detto Sting uscendo sul palco del Bataclan a Parigi. Esprimendosi in francese il cantante britannico ha poi chiesto al pubblico di osservare un minuto di silenzio. La prima canzone ‘Fragile‘, scritta da Sting nel 1987, poi ‘Message in a Bottle’. L’ultimo brano del concerto di Sting al Bataclan è stato ‘The empty chair’, cioè ‘La sedia vuota’, in omaggio a chi ha perso i propri cari e deve andare avanti senza di loro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Uniti, vita da trimmer: i lavoratori stagionali della marijuana legale

next
Articolo Successivo

Parigi, Sting al Bataclan. Un minuto di silenzio per le vittime: “Non dimentichiamo”. Poi il concerto

next