Studiare e fare la mamma o il papà sarà più facile all’Università di Cagliari grazie alla “Tessera Baby” che permetterà alle studentesse in attesa, a quelle che hanno appena partorito o ai neopadri di accedere, in ateneo, ad una stanza dedicata con tanto di fasciatoio, poltrona relax e arredi per bambini. Chi ha figli neonati o fino a dieci anni avrà anche agevolazioni nella scelta dell’orario per sostenere gli esami; avrà accesso gratuito ai corsi on-line dell’Università; potrà godere della priorità presso tutti gli uffici dell’ateneo e avrà un parcheggio riservato.

Cagliari prova così a diventare il primo ateneo a misura di genitore. Una novità in Italia voluta dalla rettrice Maria Del Zompo che ora vorrebbe entro un anno e mezzo aprire un nido tra le aule dell’Università. Le prime “stanze rosa” sono state inaugurate nei giorni scorsi e si trovano a Sa Duchessa, nel Polo di viale Sant’Ignazio, nella Cittadella universitaria di Monserrato e alla Clinica Aresu. All’interno si trovano giochi per i bambini e tutto ciò che serve ad una studentessa mamma per allattare il proprio bambino, per cambiarlo o anche solo per restare con lui mentre studia o mentre si incontra con altre colleghe per preparare la tesi o altro. Presto le “stanze rosa” avranno anche una sorta di baby parking con tanto di personale specializzato.

La filosofia di fondo è quella di non costringere gli studenti e le studentesse a sacrificare o a rinunciare a laurearsi per l’arrivo di un figlio. Un approccio rispettoso dei valori della maternità e capace di dare una risposta ai problemi che sorgono quando nasce un bambino e si è in età da studio. L’Università di Cagliari è partita dalla semplificazione delle pratiche burocratiche: chi è incinta o chi ha per mano un bimbo non dovrà più trascorrere ore in fila in attesa di parlare con un operatore ma avrà la priorità, così come sarà agevolato nell’incontro con i docenti per sostenere gli esami.

I vantaggi saranno per tutti gli studenti con la “Tessera Baby” che si può fare entrando nell’area personale dei servizi online e compilando un questionario che permette all’ateneo di comprendere le esigenze di chi formula la richiesta. Ad essere soddisfatta del risultato raggiunto è soprattutto la rettrice Del Zompo che vorrebbe allargare il progetto. L’idea è di utilizzare anche i tirocinanti e i laureati in scienze pedagogiche che offriranno la propria esperienza professionale in modo da permettere agli altri studenti di lasciare i figli e seguire una lezione o sostenere un colloquio con un professore. Un sistema decisamente Nord Europeo che ha trovato il plauso degli addetti ai lavori e soprattutto di chi oggi si sente costretto ad abbandonare gli studi per seguire un figlio

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola dell’infanzia, 200 milioni per i nuovi poli 0-6 anni. Fino a 5mila assunzioni per le maestre d’asilo

next
Articolo Successivo

Disabilità: ‘C’è l’autistico? Niente scuola’. La bella faccia della falsa inclusione

next