Chiedeva rapporti sessuali e foto intime a una sua studentessa, minacciandola di rendere noti fatti della sua vita privata e promettendo di agevolarla per farle ricevere il massimo dei voti in sede di discussione della tesi. È l’accusa con la quale è stato arrestato per tentata concussione Luca Sgarbi, 47enne professore associato di diritto del lavoro all’Università di Torino. Secondo le indagini, coordinate dal pm di Torino Gianfranco Colace, il docente ha abusato dei suoi poteri e della sua figura di relatore della tesi della studentessa. Poco prima dell’estate, scrive La Stampa, la ragazza ha raccontato ai carabinieri che il docente credeva di averla riconosciuta in una chat erotica e forse per questo ha maturato l’idea di poterla convincere ad avere rapporti sessuali con lui, anche perché avrebbe fatto parte della commissione di laurea. La Procura fa sapere che le vittime del professore della Facoltà di Giurisprudenza potrebbero essere più di una e nei prossimi giorni saranno convocate altre studentesse, confidando “che altri eventuali simili episodi, per il momento sconosciuti, siano resi noti agli inquirenti”. Il docente si trova ora ai domiciliari a Bologna, dove i carabinieri hanno eseguito l’arresto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Veronesi, i funerali laici a Milano. Dalla Boschi all’ex paziente Bonino: “Umberto, tu hai già vinto”

prev
Articolo Successivo

Trenitalia, sequestrati a Bari otto treni: “Sversano sulle rotaie liquami dei bagni”. Indagato il responsabile manutenzione

next