La vittoria di Donald Trump alle presidenziali degli Stati Unti ha suscitato proteste in tutto il Paese fra i suoi oppositori. Ci sono state scene di rabbia e violenza vicino alla Casa Bianca al grido di “Fuck Trump”. Scene simili anche nei campus universitari. Manifestanti in piazza a Oakland hanno bruciato i cartonati di Trump e messo a fuoco le auto, a Berkley gli studenti hanno cantato ‘Non il nostro Presidente’. A Pittsburgh invece gli attivisti hanno intonato ‘No Trump, no KKK, no all’America fascista”. Stessa scena a San Francisco dove centinaia hanno protestato contro i risultati delle urne, come d’altronde a Seattle. A Londra manifestazioni di protesta davanti all’Ambasciata americana, contro Trump razzista e sessista accusato di aver usato il populismo e fatto leva sulla paura per ottenere voti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, risultati in diretta: trionfo di Trump. Clinton davanti di 170mila voti, ma è sconfitta in Stati chiave

next
Articolo Successivo

Trump, stampa araba: “Islamofobo populista. Ma amicizia con Putin può evitare escalation in Medio Oriente”

next