Si è aperto a Bologna il XXI congresso di Magistratura democratica, dedicato al tema delle diseguaglianze e apertamente schierato per il No al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. Secondo il presidente Carlo De Chiara il mix tra nuova Costituzione e Italicum creerebbe “dei problemi perché il circuito tra la rappresentanza dei cittadini e la politica” verrebbe “fortemente alterato e questo non può non avere incidenza anche sulla qualità della democrazia”. Poi difende la prerogativa dei magistrati di fare politica “nel modo più auspicabile del termine”: “Nel 2006 difendevamo la Costituzione dalla riforma voluta da Berlusconi assieme al centrosinistra. Oggi la difendiamo da una riforma voluta dal Pd, e dalla parte del No ci sono Berlusconi e la Lega. Questa è la dimostrazione che noi non siamo collaterali a nessun partito e che non siamo pro o contro Renzi: questi sono discorsi troppo contingenti rispetto a una Costituzione, che è la legge fondamentale dello Stato e che dovrebbe durare secoli”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi a un mese dal referendum: il No rallenta, torna il testa a testa con il Sì. Gli elettori sempre più fedeli ai partiti

next
Articolo Successivo

Leopolda, vietato manifestare per il “no”. Contrari bloccati a 2 km: “Ci arriveremo comunque”

next