Ballarò? Ho lasciato la trasmissione per il bene del programma. Ho ritenuto di fare un passo indietro per via della dialettica continua che avevo con il conduttore, prima fruttuosa per più di un anno e poi diventata cruenta e accesa”. Così il direttore del Tg3, Luca Mazzà, nel corso della sua audizione in commissione di Vigilanza Rai, risponde a una domanda del presidente Roberto Fico (M5s), che gli chiedeva perché avesse lasciato, in qualità di responsabile, il talk show di Rai3 condotto da Massimo Giannini. Supporto totale invece all’ex direttrice del Tg3 Bianca Berlinguer e al suo nuovo programma #cartabianca, che andrà in onda dal 7 novembre tutti i giorni prima del telegiornale della terza rete Rai. Infine, una considerazione sulla crisi dei talk show: “Per fortuna come direttore di un tg non mi occupo più dei talk, è molto difficile trovare una nuova formula per farli funzionare ed è una impresa titanica dargli forza. Se dovessi occuparmene, proverei a uscire dagli studi televisivi andando sul territorio a raccogliere le storie, coinvolgendo magari anche i politici locali

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto, a Radio Maria va in onda la tesi del “castigo divino” contro le unioni civili

prev
Articolo Successivo

Tiziana Cantone, perché obbligare Facebook a rimuovere contenuti è rivoluzionario

next