Una quindicina sono i cani e i gatti tratti in salvo in queste ore tra Norcia e le altre località del terremoto, si stima inoltre che circa 5.000 tra cani e gatti abbiano seguito i loro proprietati nelle tendopoli o negli alberghi messi a disposizione, mentre si pensa possa essere comunque alto (anche se non si conosce il dato preciso) il numero di animali vaganti sia cani ma sopratutto gatti scappati durante le scosse dei giorni scorsi. Si contano anche alcuni animali morti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tina Anselmi, morta la “Tina vagante” della Dc. Dalla riforma sanitaria alla firma della 194. Contro le pressioni vaticane

next
Articolo Successivo

Terremoto, il cane guaisce da sotto le macerie. I pompieri scavano a mano per salvarlo

next