“Lavorerà una commissione di inchiesta. Per ora un abbraccio ha chi ha perso il suo caro e ai familiari dei feriti. Dobbiamo fare il fretta per accertare responsabilità. Qui la natura c’entra molto poco. Chi ha la responsabilità deve portare la pena della responsabilità”. Così il viceministro alle Infrastrutture e ai trasporti, Riccardo Nencini, che ieri sera ha fatto un sopralluogo nella zona coinvolta dal crollo del cavalcavia, in provincia di Lecco, all’altezza di Annone Brianza, dove un tir è caduto sulla strada statale 36

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lecco, crollo cavalcavia, continua scaricabarile tra Anas e Provincia. E Nencini tira in ballo il referendum

prev
Articolo Successivo

Lecco, il momento del crollo del cavalcavia ripreso in diretta da Anas

next