Trentanove. E’ il numero dei “non ricordo” che Micaela Campana, deputata Pd e membro delle Commissioni Giustizia e Schengen, ha pronunciato nell’aula di Rebibbia, durante la 128esima udienza del maxi processo Mafia Capitale, come teste della difesa del ras delle coop rosse, Salvatore Buzzi. La deposizione della parlamentare, dal 16 settembre 2014 nominata da Matteo Renzi come responsabile su welfare e terzo settore alla segreteria del Pd, è stata ritenuta inattendibile dai magistrati, i quali intendono iscrivere Campana nel registro degli indagati per falsa testimonianza. Svariati i passaggi in cui la deputata cadenza la sua deposizione, durata quasi due ore, con una sfilza di imprecisioni e di amnesie, guadagnandosi rimbrotti reiterati e severi da parte della presidente del collegio giudicante, Rosanna Iannello, che l’ha esortata più volte a dire la verità. La prima raffica di “non ricordo” riguarda l’incontro tra Buzzi e il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico: la deputata dem non ricorda i dettagli dell’accordo, svicola dinanzi a domande precise, nega circostanze ben definite nelle intercettazioni telefoniche. “Non ricordo se Buzzi mi indicò le motivazioni per cui mi chiese quell’incontro”, afferma Campana, che, di fronte all’incalzare delle domande del difensore del presidente della Cooperativa 29 giugno, motiva il black-out mnemonico perché sono passati diversi mesi. Ad altri quesiti del difensore di Buzzi, la parlamentare replica con incertezza, facendo sbottare la presidente della Corte, Rossana Ianniello: “Lei non può rispondere dicendo: ‘Probabilmente sì’. Lei è una componente della Commissione Giustizia e dovrebbe sapere che il testimone risponde sui fatti di cui è a conoscenza. E qui non facciamo giudizi sulla base di probabilità”. All’ennesimo “non ricordo” di Campana, Ianniello è costretta a ricordarle la gravità di una testimonianza falsa in un processo e rincara: “Lei è anche una persona giovane, quindi questo “non ricordo” continuo come ce lo spiega?“. “Faccio anche altre cose“, è la risposta lapidaria della parlamentare Pd

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia capitale, Zingaretti denuncia Buzzi. Ma al processo non risponde ai giudici

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, a processo assessore all’Economia Massimo Garavaglia per turbativa d’asta

next